Biennale di Venezia 2011 Cinema

Preapertura in 3D

Giorgio Merlino
30 agosto 2011


Negli occhi di ogni Veneziano è facilmente percettibile una luce di orgoglio e fierezza per l’evento che si terrà nella propria città natale. Per le vie e le spiagge del Lido si avverte ancora un clima di leggerezza estiva, prolungato forse dal lieto evento. Centinaia di turisti americani affollano i traghetti per sostenere le proprie star nella vittoria dell’ambito Leone d’Oro (per la prima volta sono numerosi i film targati USA in concorso).
Tutto questo rispecchia la tipica e affascinante atmosfera Pre-Festival della 68 edizione della Biennale di Venezia.
In onore di una straordinaria Preapertura fuori programma, Ezio Greggio ha voluto omaggiare il pubblico con la prima mondiale del suo nuovo film, “Box Office 3D – Il film dei film”, che viene proiettato nella famosa Sala Grande, completamente restaurata.
Acclamato dal pubblico, con assordanti applausi, fa il proprio ingresso in sala l’intero cast del film; una decina di attori direttamente provenienti dai cine-panettoni natalizi, tra cui lo stesso Greggio, la sempre bella Anna Falchi, Enzo Salvi e Maurizio Mattioli.
Costituito intorno ad una serie di racconti separati, il film si propone come parodia dei campioni d’incassi americani degli ultimi anni come Twilight o Harry Potter in un avvincente susseguirsi di sketch, a loro detta esilaranti e battute sull’orlo del “ridicolo”.
Raggiunta metà della proiezione, il boato di applausi si è trasformato in un fastidioso accavallarsi di sbadigli, interrotti da risate sussultorie (probabilmente per rincuorare il produttore). Alla fine, una vera orda di giornalisti delusi e amareggiati si riversava verso l’uscita, ma il pubblico deve attendere fino al 9 settembre per sentirsi come loro.
L’intento dello storico conduttore di “Striscia” di proporre un omaggio alla satira italiana è miseramente fallito e viene da chiedersi come sia riuscito a convincere la celebre Gina Lollobrigida a prestare la sua persona in una comparsa.
Come si suol dire “Domani è un altro giorno”, il giorno dell’apertura della mostra con i suoi sfavillanti connessi tra cui l’uscita dell’attesissimo film di Clooney “Ides of March” e soprattutto il Red Carpet.
Ci si aspettano cose di ogni genere da questa edizione del Festival.

 

Giorgio Merlino


Potrebbe interessarti anche