Fitness & Wellness

Primavera: stanchezza da combattere

Alessio Rinelli
15 aprile 2013

Aprile, dolce dormire. Si sa, la primavera si insidia subentrando all’inverno e a noi succede qualcosa di strano: dormiamo di più, ci sentiamo privi di forze e poco attivi. Apatia e senso di vuoto possono esaurire le nostre forze mentali e renderci fiacchi e pigri. Tutto questo è comprovato da un gran numero di ricerche mediche e veterinarie: a “rischio stanchezza” il 60% degli esseri umani e la maggior parte degli animali di tutto il mondo. Inoltre si verifica anche un processo di astenia, cioè mancanza di forza, che indebolisce non soltanto il tono muscolare ma anche il sistema nervoso centrale, togliendo gran parte della forza di volontà e della capacità di concentrazione.

UNA SPOSSATEZZA ANTICA
Ebbene sì, per quanto riguarda l’uomo il sentirsi stanchi potrebbe avere una spiegazione nell’evoluzione della nostra specie: la mancanza del letargo. Tale fatto, comune nel regno animale potrebbe indurci questa strana sensazione di stanchezza, specialmente in questo mese “pazzerello”. Il bisogno primordiale di un lungo riposo invernale, che l’uomo non pratica, unito alla costante temperatura fredda dell’inverno e ad un conseguente consumo di energie, costituirebbe la ragione decisiva. Pare che risieda proprio nel repentino passaggio dalla stagione invernale a quella primaverile la causa di questo particolare tipo di stanchezza, provocata dalla fatica che fa il nostro organismo a sincronizzare i suoi ritmi con quelli della natura vegetale che ci circonda.

MUOVERSI, MUOVERSI, MUOVERSI
Niente cure, solo rimedi: prestabilite degli orari fissi per le vostre attività, riorganizzando la vostra routine. Le giornate si allungano, cambiano gli orari, anche quelli di pranzo e cena: il consiglio in questo caso è di non abbondare, evitare troppe proteine e le abbuffate di pasta. Ottimi coadiuvanti naturali sono le tisane, specialmente quelle che contengono frutti rossi, e le bevande a base di Ginsèng. Per gli amanti del tè sottolineo l’importanza di quello verde, ricco di antiossidanti, purificativo e disintossicante.
Sicuramente, per contrastare questo periodo, la scelta migliore da compiere è essere attivi, benchè, badate bene, in maniera progressiva: l’esercizio dev’essere finalizzato a scuotere il corpo e a tonificarlo dopo tanto torpore invernale, non a massacrarlo in palestra; per “uscire” degnamente dall’inverno procedete per gradi!