I nostri blog

Punti di vista

staff
24 maggio 2012

Proprio ieri riflettevo sui “punti di vista”. Ce ne sono tanti. Ognuno di noi è convinto che i propri siano i migliori e in virtù di questo non tardiamo a intraprendere lunghe battaglie per far convertire tutti coloro che la pensano in modo diverso. Nei rapporti a due, ovviamente, la cosa viene amplificata soprattutto se si ha a che fare con qualcuno distante da noi. Non mancano discussioni e litigi nei quali ci si batte a spada tratta in virtù del proprio punto di vista. La questione è una, le teorie circa la questione, mille. Ci si guarda, ci si scruta, si urla, si litiga e ci si calma. Tutto perché quello che noi pensiamo sia giusto, per l’altro non lo è. Tutto perché quello che per noi è la normalità, per l’altro è l’eccezione. Tutto perché quello che per noi è scontato, per l’altro è una novità.  Non dovrei confessarlo, ma a me capita di fermarmi un attimo quando è in atto una discussione per immaginare la scena vista dal di fuori, come se ci fosse una macchina da presa a filmare l’istante. Faccio domande. Sono ossessionata dai perché. Voglio sapere la motivazione che sta alla base di ogni singolo gesto che non comprendo. E non per il semplice gusto di ossessionare il malcapitato con assillanti quesiti, quanto più per cercare di realizzare a pieno quanto il mondo sia vario. Milioni di tipi. Sempre gli stessi problemi. Innumerevoli modi di risolvere le situazioni e pur sempre, la voglia di capire perché si è attratti dalla diversità. Io lo ammetto senza troppe difficoltà: con un uomo come me,  non ci starei mai! Sarà per questo che i punti di vista diametralmente opposti dai miei mi affascinano e le discussioni si animano fino a che non si giunge al COMPROMESSO: parolina magica che evita che la maggioranza delle coppie si lascino dopo i primi dissidi. “Accontentarsi vicendevolmente, sopportarsi, venirsi in contro, capirsi e rispettarsi”: i concetti basilari nella Bibbia degli innamorati. Tutte cose molto facili a dirsi e molto meno a farsi. Ma d’altronde a me gli esperimenti piacciono: io mi metto alla prova, chissà che anche l’altro non voglia fare lo stesso.

 

St.efania