Quando i download illegali delle serie tv aiutano a vincere premi

Marica Cammaroto
31 dicembre 2013

Game-Of-Thrones

Che la maggior parte degli spettatori di serie televisive ne scarichi le puntate in assoluta e illegale tranquillità, non ci sorprende, anzi: grazie a reti come BitTorrent, chiunque capisca qualcosina di download sa che non è difficile procurare a parenti e amici le ultime puntate di serie come “Breaking Bad” o “The walking dead”. Piuttosto raro è anzi che qualcuno abbia abbonamenti a intere serie grazie a programmi a pagamento come Netflix.

Torrentfreak ha addirittura registrato il numero di dowloads di ogni serie tv in maniera del tutto super partes rispetto alla tradizionale battaglia tra pirati informatici e onesti cittadini. Torrentfreak infatti non è qui per giudicare nessuno: al contrario, l’obiettivo è scoprire quale serie, quest’anno, si sia accaparrata il titolo di “Serie tv più scaricata dal web”. Curiosi?

I più esperti giù sapranno che da almeno un paio di anni non c’è assolutamente storia: nonostrante il successo mondiale inaspettato di “Breaking Bad”, nonostante le orde di zombie-cosplayers-fan di “The walking dead”, nonostante le battute di Barney Stinson in “How I met your mother”, “Game of thrones” continua a sbaragliare tutti i contendenti del prestigioso titolo.

1481051974_1358934027

Qui qualcuno potrebbe affermare che comunque sia, vista la grande quantità di download illegali rispetto a quelli legali, per l’emittente televisiva americana via cavo HBO, produttrice della popolare serie tv, la notizia non sia poi così positiva.  Al contrario, i responsabili HBO hanno affermato che il fenomeno dei download illegali, connesso soprattutto a determinati social network, aiuta a mettere in risalto la loro offerta televisiva. Come dire, non tutto il male vien per nuocere.

Marica Cammaroto