Lifestyle 2

Quando la luce crea design

Alessandro Giannotti
5 novembre 2013

William Pianta

“Amo tutto ciò che è rigoroso ed essenziale, ma al tempo stesso caldo e accogliente”. A parlare è William Pianta, il designer che soltanto 4 anni fa, a Brescia, ha dato vita al brand di illuminazione Nahoor, vocabolo rubato dall’aramaico, ovvero fonte di luce. Ed il successo non si è fatto certo attendere per questo vero portabandiera della creatività e artigianalità nostrana nel mondo tanto da aver ottenuto nel 2010 la certificazione 100% Made in Italy dall’Istituto per la Tutela dei Produttori, unico riconoscimento italiano per tutelare l’autenticità del prodotto. Acclamato come uno dei più importanti designer nell’universo dell’illuminazione da interni e da esterni Mr Nahoor si è fatto strada in questo settore proprio grazie alla linearità e alla pulizia delle forme che rendono le sue lampade oggetti di eleganza pura, ideali per adattarsi all’ambiente che li accoglie diventandone i protagonisti assoluti pur senza invadere lo spazio.
Un amore che va di pari passo con la passione per i materiali desueti e nobili con cui il giovane designer ama “giocare”, primi tra tutti l’ottone nella sua finitura originale lucida e brunita, diventato da subito il cavallo di battaglia del brand. Nel 2011, proprio per estremizzare la singolarità di ogni pezzo, sono stati inseriti marmo e onice, mentre lo scorso anno la gamma Nahoor ha visto impreziosirsi dal materiale nobile e caldo per eccellenza, il legno, nelle varianti del rovere e del wengè per arrivare alle ultime proposte in teak, se pur sempre abbinati al rigore del metallo. Tra le novità ecco Ecliss, una circonferenza tempestata di Led ad originare una luce soffusa proprio come fosse quella della luna. “E, proprio per rendere omaggio alla città che mi ha fatto conoscere nel mondo grazie alla nostra presenza a Maison & Objet, il primo punto vendita Nahoor sarà proprio a Parigi, nel quartiere di Saint Germain. Forse già nel 2014” dichiara un sempre entusiasta William Pianta.

Alessandro Giannotti


Potrebbe interessarti anche