Cinema

Quando la moda sposa il cinema

Giorgio Raulli
8 luglio 2014

fashion-film-festival

Ormai la moda non è più legata al cinema solo per costumi e scenografie, ma è diventata negli anni sempre più protagonista di interi film: da Prêt-à-porter (1994) di Robert Altman a Il diavolo veste Prada (2006) l’industria della moda ha dimostrato di essere un ambiente adatto e versatile per raccontare storie più o meno autoreferenziali. Anche da qui nasce l’idea del Fashion Film Festival Milano, che debutterà durante la fashion week del prossimo settembre: un progetto ideato e prodotto da Costanza Cavalli Etro con il sostegno della Camera Nazionale della Moda. Il Festival si propone infatti di essere un’occasione quanto mai attesa per promuovere l’unione tra i mondi del fashion e del cinema, dando voce soprattutto a giovani stilisti e registi di talento per emergere e farsi conoscere dal grande pubblico.

FFFestival Milano

Palcoscenico dell’evento sarà, il 14 e 15 settembre, il Teatro Grassi, che ospiterà le due fasi del Festival: la prima è una vera e propria mostra cinematografica, alla quale parteciperanno i grandi brand e registi, per celebrare la creatività, l’estetica e soprattutto la moda; questa esposizione sarà suddivisa in varie categorie, da Grandi Marchi a Made in Italy, dai brevi documentari alla sezione La Moda Aiuta, dedicata ai progetti sociali che coinvolgono la moda. La seconda fase è invece aperta ai giovani artisti di entrambe le realtà con un concorso di cortometraggi composto da otto categorie: sarà una giuria internazionale con volti noti del mondo della moda, del cinema, dell’arte e della cultura a decretare gli otto vincitori finali.

Per partecipare a questa vetrina straordinaria e poter ambire alla premiazione finale basta inviare il proprio Fashion Film sul sito www.fffmilano.com, dove sono disponibili tutti i dettagli e l’intero regolamento, entro e non oltre il 15 luglio.

Giorgio Raulli


Potrebbe interessarti anche