Advertisement
Food

Ricetta della Settimana: cocktails analcolici, l’ultima tendenza holliwoodiana da copiare

staff
15 settembre 2012

Una nuova tendenza impazza tra le celebrities di Hollywood: l’Analcolicness, un nuovo modo di trascorrere la nightlife legato ai valori del bere sano e consapevole.
Secondo quanto riportano le cronache mondane dei tabloid americani, i divi dello starsystem “nelle loro ville californiane durante gli abituali party hanno indetto delle vere gare tra i loro ospiti per creare nuovi drink rigorosamente no alcool”. Per provare questa nuova tendenza, che sta già spopolando anche in Italia, ecco alcuni dei cocktail creati da Sanpellegrino, marchio leader nel mercato delle acque minerali e delle bibite analcoliche.
I cocktail “Mix Art 0% Alcool 100% Creatività” celebrano alcuni dei luoghi simbolo di un’Italia tutta da scoprire… tappa dopo tappa.

PARTENZA | NAVIGLI – MILANO
Milano deve alla creatività di Leonardo una delle sue zone più caratteristiche. L’atmosfera da villaggio che si respira per le strade del quartiere si trasforma durante la notte, quando i mercati all’aperto ed i caffé ospitano una realtà cosmopolita piena di luci, colori e musica.

Ingredienti: 5cl di succo di cranberry, 5cl di succo limpido di mela, 1 san-bitter rosso

Procedimento:
Mescere tutti gli ingredienti in un tumbler con ghiaccio, miscelare delicatamente e guarnire con ½ fetta di arancia e buccia di limone

1° TAPPA | PONTE VECCHIO – FIRENZE
Il Ponte Vecchio è uno dei simboli della città di Firenze ed uno dei ponti più famosi del mondo. Di notte, quando le botteghe degli orafi sul ponte sono chiuse, l’atmosfera diventa ancora più suggestiva e romantica rendendo indimenticabile una passeggiata serale su Ponte Vecchio.

Ingredienti: 1 lime tagliato in quarti, 1 cucchiaino di marmellata di pesca, 1 cucchiaino di zucchero semolato di canna, trancio di ananas strofinato con zenzero, chinotto

Procedimento:
In un tumbler basso e largo pestare il lime tagliato in quarti con la marmellata di pesca e lo zucchero, riempire con cubetti di ghiaccio e il trancio di ananas, colmare con il chinotto. Miscelare e guarnire con un ramoscello di menta.

2° TAPPA | CAMPO DE’ FIORI – ROMA
Campo de’ Fiori è una delle più famose piazze di Roma dove di giorno è possibile girovagare tra i banchi ortofrutticoli e la notte è possibile assaporare il gusto della movida romana.

Ingredienti: 2 rondelle di cetriolo, 1 rondella di zenzero fresco, 2-3 cucchiai di granita al limone, 1 san-bitter dry

Procedimento:
Mettere il cetriolo e lo zenzero in un tumbler basso pestarli delicatamente e amalgamarli alla granita di limone mescere il sanbitter dry incorporandolo al composto, miscelando delicatamente sino a ottenere una massa omogenea e liquida. guarnire con un ramoscello di menta all’interno del bicchiere in  posizione centrale

3° TAPPA | CHIAIA – NAPOLI
Via Chiaia è una delle strade più note ed eleganti di Napoli, ricca di boutique e di negozi caratteristici, ma anche di scorci pittoreschi e di edifici di grande interesse storico ed architettonico, centro nevralgico dell’omonimo quartiere che si affaccia sul mare.

Ingredienti: 1cl di sciroppo di sambuco, 1 fico d’india tagliato a tranci strofinati con peperoncino, 1 goccia di angostura, 1 foglia di alloro, 2 rondelle di lime, 1 old tonic

Procedimento:
In un tumbler largo disporre gli ingredienti solidi insieme al ghiaccio, mescere nell’ordine: sciroppo di sambuco, 2 gocce di angostura e colmare con old tonic, miscelare delicatamente.

ARRIVO | ARENELLA – PALERMO
Nato come borgo di pescatori, è costruito su una piccola insenatura tra alte pareti rocciose che incorniciano uno degli scorci di mare più conosciuti di Palermo.

Ingredienti: 2cl di sciroppo di bitter, tranci di arancia, 1 goccia di glassa di aceto balsamico, 1 aranciata

Procedimento:
In un tumbler disporre le arance, la glassa di aceto balsamico e lo sciroppo di bitter, pestare delicatamente la frutta insaporendola con i due aromatizzanti, aggiungere ghiaccio a cubetti e colmare con aranciata miscelando delicatamente, guarnire con trancio di arancia.

Simona Micheletto Castelli


Potrebbe interessarti anche