Food

Ricetta della settimana: filetto alla “Malpighi”

staff
24 novembre 2012


La moda dell’aceto balsamico è nata 20 anni fa quando lo chef di un ristorante delle star a Los Angeles cominciò a servire due-tre gocce di questo nettare pregiato sull’insalata, girando fra i tavoli.
La ricetta di Massimo Malpighi è quindi un regalo prezioso nel quale i funghi porcini e il filetto sono esaltati dal gusto dell’aceto balsamico tradizionale di Modena; da condimento l’aceto diventa protagonista di questo piatto originale e prezioso.

Ingredienti per 2 persone:
250 gr di funghi porcini
1 zucchina
1 peperone
2 spicchi d’aglio
2 medaglioni di filetto di manzo da 150 gr cad.
20 gr di scalogno tritato
30 gr di burro
4 cucchiai di sugo di arrosto
olio
sale
prezzemolo
un cucchiaio di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Affinato (invecchiato minimo 12 anni) Malpighi

Tempo di preparazione: 45 minuti

Procedimento:
Pulire bene i funghi porcini avendo l’accortezza di tagliare in maniera fine le gambe e a cubetti le teste. Mondare le zucchine e i peperoni, tagliare le zucchine a rondelle e i peperoni a listarelle.
In un tegame, rosolare l’aglio con olio e prezzemolo (al termine della rosolatura, per chi non ama il sapore dell’aglio, è possibile togliere gli spicchi d’aglio).
Aggiungere le gambe dei porcini tagliate fini e dopo un poco le teste tagliate a cubetti; a seguire  aggiungere le zucchine e i peperoni.
Cuocere il tutto per circa 20 minuti, salare, versare mezzo cucchiaio di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Affinato (invecchiato minimo 12 anni) Malpighi.
Nel frattempo in un altro tegame preparare la salsa: rosolare nel burro lo scalogno tritato, aggiungere mezzo cucchiaio di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Affinato (invecchiato minimo 12 anni) Malpighi e far evaporare leggermente, aggiungere il sugo d’arrosto e insaporire per circa 15 minuti.
In una padella far rosolare in pochissimo burro (pochi minuti per parte) i filetti tagliati a bocconcini, salare e aggiungere la salsa al Balsamico Tradizionale.
Impiattare con il contorno di verdure e ricoprire abbondantemente con la salsa al Balsamico Tradizionale Malpighi.

Commento di Massimo Malpighi:
Gusto e salute, il binomio per eccellenza della corretta alimentazione contemporanea si ritrova in questo piatto saporito, semplice e pregiato allo stesso tempo.
Gli ingredienti sono del tutto naturali e la ricetta poco elaborata affinché i sapori delle materie prime utilizzate rimangano assolutamente incontaminati. Una purezza assoluta che risiede nella delicatezza della regina delle carni e nell’inconfondibile agrodolce del più prezioso degli aceti, il Balsamico Tradizionale di Modena Malpighi.

Vino consigliato:
Massimo Malpighi, consiglia di accompagnare il piatto con un Lambrusco Grasparossa secco: il nettare dei vigneti modenesi, ideale per esaltare piatti conditi con carne, paste al forno, arrosti, salumi, formaggi anche a pasta fermentata e più in generale con tutti i primi tradizionali della cucina emiliana.
Sapore sapido, armonico, gradevolmente vinoso, di equilibrata acidità, leggermente fruttato, con piacevole retrogusto amarognolo.

Simona Micheletto Castelli

La ricetta è stata suggerita da Massimo Malpighi, giovane presidente di Acetaia Malpighi, produttrice di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena dal 1850. Massimo, oltre che per aver condotto la ditta di famiglia a risultati sorprendenti sui mercati internazionali ed aver portato la cultura del vero Balsamico Tradizionale in tutto il mondo, è noto per il suo esuberante eclettismo. Lui stesso, infatti, non soltanto ha dato vita ad una gamma di condimenti assolutamente originali e di alta qualità a marchio Malpighi, ma ha anche personalmente disegnato il packaging delle proprie creazioni e ha realizzato un libro in cui sono raccolte le ricette da lui stesso firmate.
Da imprenditore di successo a cuoco, dunque, con un’unica e coinvolgente passione: quella per l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena.
Ultima novità di Acetaia Malpighi la sorprendente e preziosa Linea Solitario: un raffinato cofanetto che racchiude una pregiata bottiglietta di Riserva di Condimento Balsamico Malpighi e un diamante diamante sintetico da un carato. Un’idea unica e originale: “il diamante è per sempre e la Riserva del Condimento Balsamico Malpighi invecchiato otto anni è per gli istanti più intensi”.


Potrebbe interessarti anche