Advertisement
Food

Ricetta della settimana: Risotto con fragole e carpaccio di scampo

staff
14 aprile 2012

Ingredienti per 2 persone:
140 gr di fragole
200 gr di riso Carnaroli
360 gr di scampi
vino bianco
Olio extra vergine d’oliva quanto basta
Per il brodo vegetale: 1 carota, 1 costa di sedano e 1 cipolla

 

Tempo di preparazione: 1 ora

 

Procedimento:
Per il brodo, mettere sul fuoco un pentolino con acqua, un pezzo di carota, del sedano, una cipolla e portare a ebollizione. A parte, in una pentola, tostate il riso con olio d’oliva e sfumare con del vino bianco. Aggiungere un po’ alla volta il brodo vegetale, mescolando di tanto in tanto. Appena l’acqua bolle, rompere l’uovo intero e lasciarlo sobbollire per 3 minuti. Successivamente, prendere lo scampo e sgusciarlo completamente, tenendo solamente la parte della coda. Poi, tagliare a metà la polpa del pesce in senso verticale e riporla tra due fogli di carta da forno. Pestare il tutto con un batticarne per appiattire il pesce e riporlo in frigo. Tagliare le fragole a cubetti. Nel frattempo, mantecare il risotto con un po’ d’olio d’oliva extra vergine. Aggiungere infine i cubetti di fragole e stendere sopra il carpaccio di scampo.

 

Nota dello chef, Massimo Livan:
Questo piatto contemporaneo e tradizionale allo stesso tempo, vuole suggerire con semplicità e armonia una reinterpretazione del classico risotto di mare. Importantissima è poi la presentazione: i colori di questa ricetta permettono infatti di creare un piatto fresco e originale, mentre gli ingredienti, in particolar modo le fragole, permettono di dare vita a una guarnizione vivace e allegra capace di appagare la vista e la voglia di novità. Insomma, un piatto brioso e allo stesso tempo elegante, proprio come un vestito di seta colorata comprato in attesa dell’arrivo dell’estate.

 

Vino consigliato dallo chef:
Lo chef consiglia di abbinare un Vulcaia Fumé della Casa Vinicola Inama. Vino bianco imponente, dai profumi di mandarino cinese, pesca, pompelmo su note floreali di magnolia, erbe aromatiche e toni di burro d’arachidi. Il sapore è equilibrato, avvolgente, con una freschezza e sapidità che lo vivacizzano splendidamente.

 

Giorgia Assensi

 

La ricetta è stata suggerita da Massimo Livan, chef dell’Antinoo’s Lounge & Restaurant del Centurion Palace di Venezia, hotel cinque stelle della Sina Hotels, gioiello contemporaneo di bellezza capace di regalare ai suoi ospiti emozioni indimenticabili grazie al sorprendente contrasto tra lo stile gotico veneziano della facciata e gli interni dal design deciso. Il Centurion Palace Hotel, situato accanto alla Basilica di Santa Maria della Salute, con accesso diretto sul Canal Grande, fa parte dell’esclusivo “Small Luxury Hotels of the World”. Il Ristorante Antinoo’s, recentemente premiato dalla Guida Michelin con quattro forchette rosse, propone piatti creati con cura e attenzione. Lo stile contemporaneo e ricercato dello chef Massimo Livan trae infatti ispirazione dall’arte, dalla storia, dalla pittura e da una città d’inesauribile fascino come Venezia. La sua cucina è creativa, leggera, colorata, e prevalentemente mediterranea. Tra le precedenti esperienze di Livan troviamo il Gran Caffè Quadri, l’hotel The Westin Europa e Regina (Gruppo Starwood) e Villa San Carlo Borromeo.


Si ringrazia Stefano Bellotto per la foto del piatto e dello chef.


Potrebbe interessarti anche