Green

Riciclo e vintage con Sara’s Paper

Marta D'Arcangelo
7 febbraio 2014

sara's paper bag luuk

Sara Bettinati è una giovane designer con la passione per gli accessori colorati e originali. Nel 2011, in viaggio tra Copenhagen e Amsterdam, le viene l’idea giusta per creare qualcosa di veramente unico, ma anche molto green: detto fatto, si mette a ritagliare giornali, dando vita a Sara’s Paper.

Le copertine vintage di Vogue, le foto delle dive anni ’50 provenienti dai rotocalchi, il fascino color seppia dei vecchi giornali: Sara utilizza solo carta riciclata per i suoi articoli, che sono appositamente pensati a partire dal singolo foglio; i portamonete e i portacards nascono da immagini più piccole, mentre i fogli più grandi ispirano portaocchiali, pochette, shopping bag e così via.

sara's paper luuk

Tutte le creazioni Sara’s Paper sono waterproof, visto che è riuscita a trovare un efficace metodo di plastificazione per dare resistenza e impermeabilità alle sue creazioni. Completa poi il suo lavoro cucendo tutto con la vecchia macchina da cucire anni ’70, eredità della nonna.

Il risultato sono pezzi realizzati interamente a mano e rigorosamente unici: non esistono infatti vere e proprie collezioni e oggetti replicati in modo identico. Così sarete le sole a possedere quel particolare accessorio, che grazie alla spensieratezza delle immagini anni ’50 vi porterà un pizzico di energia, per combattere la routine con un sorriso.

sara's paper vogue luuk

Potete acquistare le creazioni di Sara Bettinati in circa 20 città italiane e tenere d’occhio le novità sulla pagina Facebook “Sara’s Paper”. Non ci resta che aspettare il suo nuovo progetto, che – ci è stato rivelato – riguarderà il riciclo delle tute in Tyvek: attendiamo con ansia!

Marta D’Arcangelo


Potrebbe interessarti anche