Alberghi

Ricomincia la leggenda dell’Hotel Ritz

Jennifer Courson Guerra
9 giugno 2016

9

Ci sono dei luoghi magici che hanno reso la capitale francese la Parigi del nostro immaginario collettivo: uno di questi è l’Hotel Ritz. Ieri, il mitico albergo al n.15 di Place Vendôme ha riaperto i battenti dopo quattro anni di meritata pausa, sfruttati per un lungo restyling.

Esattamente centodiciotto anni e cinque giorni dopo l’inaugurazione dell’11 giugno 1898, l’Hotel Ritz riapre le sue porte, questa volta con una nuova veste.

I fortunati clienti potranno ora alloggiare in una delle 142 lussuose camere che hanno in passato ospitato divi e importanti personalità da tutto il mondo, come Ernest Hemingway, Francis Scott Fitzgerald, Rodolfo Valentino, Charlie Chaplin e Greta Garbo. Originariamente le camere erano 159, ma alcune di esse sono state unite durante il restauro per creare nuove suites, intitolate a Mozart, Proust e Maria Callas.

Un’altra importante novità è rappresentata dalla prima spa firmata Chanel: la leggendaria Coco visse infatti nello splendido albergo per trent’anni e la Maison ha voluto renderle omaggio con sette stanze tutte dedicate a raffinati trattamenti di beautycare e skincare.

Pur rimanendo dunque fedele all’originale che l’ha reso celebre in tutto il mondo, l’hotel – di proprietà dell’imprenditore egiziano Mohamed Abdel Moneim Fayed – può ora vantare una serie di nuovi servizi e facilities, come tre bar, tre ristoranti, un tunnel privato che collega la struttura a parcheggio, la connessione Wi-Fi, un nuovo impianto di riscaldamento e illuminazione e dei grandi pannelli in vetro che esaltano la luce naturale della hall.


Potrebbe interessarti anche