Interviste

Rimowa: La Storia in una valigia

Emanuela Beretta
27 giugno 2013

Dieter Morszeck, CEO di Rimowa, ci racconta la storia della sua azienda?
La storia di Rimowa è una fiaba emozionante di come tradizione e innovazione si siano unite per creare un successo internazionale. Rimowa prende il nome dalle iniziali di Richard Morszeck, il figlio del fondatore. Siamo dei tedeschi orgogliosi di esserlo e dal 1898 le nostre fabbriche sono sempre state a Colonia. Io rappresento la terza generazione che gestisce l’azienda. Il business di famiglia è cresciuto sino a conquistare la leadership  nell’industria della valigeria, dove è ancora presente una forte componente manuale. Una scelta importante che ci permette di mantenere alto il livello della qualità.

L’azienda è nata nel 1898. Qual è il segreto del vostro successo?
Prima di tutto la qualità dei nostri prodotti e poi la nostra storia. Le diciture “Made in Germany” e “German Engineering” significano: eccellenti materie prime, tecnologia spinta, design, qualità e innovazione, “Art of Travel”. I nostri prodotti hanno rivoluzionato il mondo del packaging, quando nel 1937 abbiamo sviluppato il primo metallo leggero per valigeria utilizzando l’ alluminio per aeroplani. Nel 2000 siamo stati la prima azienda produttrice di valigeria ad introdurre il policarbonato, un materiale leggero e resistente, una rivoluzione nel mondo del travel che ci ha portato ad una ulteriore fidelizzazione da parte della nostra clientela. Un altro fattore di successo è la nostra storia, la nostra tradizione che da 115 anni ci vede protagonisti a Colonia,  ci rende orgogliosi di  offrire lavoro nella nostra città e di firmare le nostre valigie  “Made in Germany”.

Nel 1976 avete sviluppato la prima macchina fotografica waterproof, perché?
Sono un grande appassionato di fotografia e, da una mia esperienza personale, ho intuito la necessità di un’attrezzatura waterproof, così ho coltivato  questa  intuizione, un vero successo.

Come avete ideato l’introduzione del policarbonato e del sistema Multiwheel nel vostro settore?
Insieme al mio team sono sempre alla ricerca di nuovi prodotti, ma spesso alcune invenzioni nascono per caso, come la scoperta del policarbonato applicato alla valigeria che, solitamente, viene utilizzato per i pannelli degli aeroplani. Nel 2000, dopo anni di ricerca abbiamo  introdotto la prima valigia sul mercato: una vera e propria rivoluzione! La tecnologia Multiwheel invece è stata  presa a prestito e adattata dalle sedie d’ufficio. Questo ha aumentato la mobilità delle nostre valigie, che possono ruotare su se stesse con estrema facilità.

Qual è l’innovazione  che la rende maggiormente orgoglioso?
L’introduzione del policarbonato riciclabile è stato un vero traguardo, un colpo di genio. Questo permette di ridurre il peso delle valige salvaguardando resistenza e stabilità, una rivoluzione nel nostro campo anche se  i competitors sono sempre in agguato.

Quali sono i suoi progetti futuri?
Affrontare nuove sfide e aprire, dopo il nuovo flagship store Rimowa a Firenze, ulteriori punti vendita nel mondo.

Intervista curata da Emanuela Beretta


Potrebbe interessarti anche