Fotografia

Robert Doisneau a Monza: Le merveilleux du quotidien

Valentina Garola
30 marzo 2016
Robert Doisneau, Il Bacio dell’Hotel de Ville, 1950 © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau, Il Bacio dell’Hotel de Ville, 1950 © Atelier Robert Doisneau

Le meraviglie della vita quotidiana sono emozionanti. Nessun regista cinematografico sarebbe capace di comunicare l’inatteso che si incontra per le strade.
Così Robert Doisneau, grande fotografo francese del Novecento, un poeta romantico che si esprime non con le parole ma attraverso i suoi scatti, racconta il focus della sua arte: le meraviglie della vita quotidiana. Come ad esempio i passanti che si baciano, les enfants che corrono a scuola e poi vanno a giocare, i lavoratori che faticano, le donne parigine vestite all’ultima moda e molti altri personaggi della Ville Lumière.

Robert Doisneau, L'informazione scolastica, Parigi 1956 © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau, L’informazione scolastica, Parigi 1956 © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau – Le merveilleux du quotidien è la personale dedicata a questo grande fotografo, allestita negli spazi del palazzo dell’Arengario di Monza fino al 3 Luglio, a cura dell’Atelier Robert Doisneau, realizzata da Fratelli Alinari. Fondazione per la Storia della Fotografia e ViDi in collaborazione con il Comune di Monza e con la consulenza scientifica di Piero Pozzi. Protagoniste dell’esposizione sono ottanta fotografie originali che ripercorrono i primi quarantaquattro anni della carriera del grande maestro francese, a partire dalla sua prima fotografia scattata nel 1929 a soli diciassette anni fino ad arrivare alla sua opera del 1973, anno in cui Doisneau comincia a immortalare soggetti e luoghi a lui molto cari, come quelli delle banlieue parigine.

Robert Doisneau, La diagonale dei gradini, Parigi 1953 © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau, La diagonale dei gradini, Parigi 1953 © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau, grazie al suo occhio particolarmente curioso, è un acuto osservatore e narratore della realtà e in questi scatti ci racconta molto teneramente la sua Parigi più intima: “quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere”.

Robert Doisneau, Autoritratto con Rolleiflex, 1947 © Atelier Robert Doisneau

Robert Doisneau, Autoritratto con Rolleiflex, 1947 © Atelier Robert Doisneau

Le parole del maestro, attraverso una serie di testi originali ed un interessante video, guideranno lo spettatore nel suo magico mondo passando per le botteghine di altri tempi, tra i quartieri della capitale nei momenti di festa e nei vari attimi della semplice quotidianità parigina.
L’esposizione monzese è inoltre arricchita dalla presenza dello stesso modello della macchina fotografica – Rolleiflex Standard Alt – utilizzata da Doisneau per molti dei suoi lavori, proveniente dalle Raccolte Museali Fratelli Alinari di Firenze.

Robert Doisneau. Le merveilleux quotidien
Arengario di Monza, Piazza Roma
19 marzo – 3 luglio 2016
Orari: martedì, mercoledì e venerdì 10.00-13.00 / 14.00-19.00; giovedì 10.00-13.00 / 14.00-22.30; sabato, domenica e festivi 10.00-20.00; lunedì chiuso.


Potrebbe interessarti anche