Letteratura

Romanzi gustosi

Maria Stella Gariboldi
29 giugno 2014

copertina

Cosa ricordiamo di un romanzo? Personaggi vividi, scene surreali o ambientazioni realistiche, dialoghi che potremmo citare a memoria.
Ma a fare la grandezza di un libro sono tutti i singoli dettagli, da quella parola disposta alla perfezione nell’incipit, alle minuzie di cui ognuno si più innamorare. Il cibo, ad esempio: impossibile per un lettore di Proust pensare alle madeleine come a dei semplici biscottini.

foto2

La designer newyorkese Dinah Fried ha fatto dell’attenzione per i dettagli l’oggetto di un libro fotografico, Fictitious Dishes, che raccoglie gli scatti di 50 piatti resi celebri da altrettanti romanzi. Quadri colorati e ricchi di particolari, studiati con cura per l’immagine e soprattutto per la fonte letteraria. Classici come Madame Bovary e Oliver Twist, fino a Paura e disgusto a Las Vegas e Uomini che odiano le donne.

foto3

E se alcune foto sono forse più riconoscibili, come quella del tavolo da tè in Le avventure di Alice nel paese della meraviglie, alcune testano l’occhio (e la memoria) del lettore appassionato. Pronti a mettervi alla prova?

foto4

Moby Dick

foto 5

Il Grande Gatsby

foto 6

Oliver Twist

foto 7

La metamorfosi

foto8

Via col vento

Maria Stella Gariboldi

“Fictitious Dishes: An Album of Literature’s Most Memorable Meals”, Dinah Fried, HarperCollins, pp. 128


Potrebbe interessarti anche