Leggere insieme

Romeo Mozartin e la frutta canterina

Marina Petruzio
21 giugno 2013

Splendida ricorrenza quella di oggi, è proprio il caso di dirlo!
E’ infatti la Festa del Sole, primo giorno d’estate che se per alcuni è già in odor di “sale”, per altri è in odor di aperitivi e feste all’aperto per le strade della propria città, magari ascoltando dell’ottima musica… la propria musica!
Perché oggi, proprio per festeggiare il Sole, ricorre la Festa della Musica che si articola in moltissime città d’Italia e d’Europa con concerti negli stadi, nelle piazze, nei locali, con l’obiettivo di rendere popolare il suo linguaggio: di unire le persone di tutte le condizioni sociali, giovani e diversamente giovani, di tutte le etnie e cogliere l’occasione per creare un linguaggio, comune, musicale, aperto.

Certo Romeo ed il Signor Topazio hanno faticato un po’ prima di trovare nella musica questo linguaggio comune che li mettesse d’accordo! Ma una volta trovato…

Sembra che Romeo Mozartin non esca di casa da oltre ventitre anni, indaffarato com’è…
La sua casa è una specie di Fabbrica delle Note, un Museo dello Strumento Musicale, ce n’è ovunque!
Stipati in ogni dove, alloggiati in ogni stanza della sua grande dimora. Pensate che Romeo suona anche pentole e pentoloni, coperchi e bidoni e fa pipì tenendo il ritmo! A colazione poi è tutto un tintinnare di cucchiaino dentro la tazza, fuor dalla tazza a ritmo di RUMBA! E sotto la doccia? Le confezioni dello shampoo e del bagnoschiuma sono usate come maracas! Gli spartiti son dappertutto, anche nella lavatrice, e le note… bè le note danzano e rimbalzano un contro l’altra tante sono che non ci stanno più, son strette nella casa di Romeo ormai!

Ma un bel giorno trovando la via del camino si liberano nell’aria, finalmente non più strette, continuando a cantare e ballare.
Però, si sa, le note non son tutte uguali: alcune sono forti altre son più ”piano”; le note dell’arpa son vibranti e mantengono una sonorità cristallina continuando a fluttuare nell’aria; quelle della batteria son come grandine sui tetti, scroscianti,allegre, sempre tantissime e tutte assieme!
Le note del trombone poi son così grosse ma così grosse e rotonde che proprio non ce la fanno a star per aria e precipitando a piombo nel pollaio finendo covate con le uova, sotto la paglia e le calde piume del morbido sedere delle galline! E le chiavi di violino così taglienti che si piantano nella corteccia degli alberi scorticandoli… E le note calde e aguzze della chitarra elettrica che piovendo dal cielo roventi arrostiscono tutti i frutti direttamente sui rami!
Di note ce ne sono talmente tante in giro che gli abitanti del paese non ci fanno nemmeno più caso anche se… qualcuno è contento, qualcuno invece no…proprio NO!

Il Sig. Topazio, per esempio, vicino di casa di Romeo.
Una sola grande passione: il suo frutteto! “Per lui il suono è frastuono, il ritmo una baggianata, la melodia robetta da signorine e tutte quelle note che volano in cielo una gran seccatura.” Stanco di raccoglier note cadute a terra o mollemente adagiate sui rami degli alberi da frutta, tutto il frutteto in disordine! Un giorno addirittura un do diesis gli è caduto sulla testa inondandolo di inchiostro sino alle mutande… Eh sì, perché le note son fatte di inchiostro come la mela di polpa succosa!

Possibile trovare un “accordo” tra due vicini simili?
Perché col sol poi andò anche peggio… o forse no… fu un sol galeotto?
Perché diciamolo: è vero, spesso quando si ha una cosa da molto tempo non ci si pensa più, spesso ci pare solo che quella cosa ci dia fastidissimo ma poi quando ci viene a mancare…
Colpo di scena! Protagonista un gigantesco violaceo sol d’organo, un violino dalle note leggere e scaccia moscerini e… della frutta molto ma molto particolare!
E gran finale per Romeo e Topazio, per la musica, le note ed il buon vicinato.
Ma soprattutto perché trovata la nota giusta, la nota della condivisione e della cooperazione i due forse…

Leggetelo, dai! Poi ne parliamo…
La musica fa miracoli, dunque buona Festa della musica a tutti!!

Marina Petruzio

ROMEO MOZARTIN E LA FRUTTA CANTERINA
di Chiara Lorenzoni Illustrato da Francesca Dafne Vignaga
Editore: Giralangolo marchio EDT
Euro 13,50
Età di lettura: dai 5 anni


Potrebbe interessarti anche