Advertisement
News

Ruinart svela la collaborazione per MiArt 2017 con l’artista Jaume Plensa

Carlotta Molteni
1 aprile 2017

Ruinart presenta in occasione di MiArt 2017 una nuova collaborazione, quella stretta con l’artista spagnolo Jaume Plensa.

Partner ufficiale della fiera milanese per il quinto anno consecutivo, Ruinart conferma il suo legame con il mondo dell’arte, consacrato da partnership con personalità del calibro di Patricia Urquiola, Maarten Baas, Hervé van Der Straeten, Piet Hein Eek, Georgia Russell e recentemente con l’artista Hubert Le Gall ed il fotografo Erwin Olaf. Un vero omaggio, in una chiave innovativa ed del tutto particolare, alla storia della più antica Maison de Champagne francese.

Ogni collaborazione segue una differente direttrice rispetto alle precedenti, cosicché il risultato sia un vero pezzo unico, capace di racchiudere in sé l’anima dell’artista prescelto: quest’anno è stato Jaume Plensa a plasmare nelle sue iconiche sculture la Maison.

Il risultato è stato un masterpiece d’eccezione, una scultura sintesi di elementi linguistici universali: segni e lettere provenienti da otto alfabeti diversi – latino, greco, arabo, ebraico, cinese, giapponese, russo e hindi – ed ispirato al fondatore di Ruinart, dom Thierry Ruinart. Frutto di un lavoro dell’artista durato quasi cinque mesi, l’opera rievoca le sculture che hanno reso celebre Jaume Plensa, corpi umani seduti o inginocchiati, riflessivi ed introspettivi spettatori dell’orizzonte.

“Siamo felici e orgogliosi di questa partnership artistica con Jaume Plensa. Attraverso l’arte contemporanea, la Maison Ruinart vuole condividere il suo patrimonio, la storia e il savoir-faire, nonché l’eccellenza dei suoi vini in giro per il mondo – racconta Andrea Pasqua, Senior Brand Manager Ruinart Il masterpiece infatti, dopo Basel Hong-Kong, sarà presente a Frieze NY, Art Basel Basilea, Miami Art Basel, Frieze Londra, FIAC (…) A Miart, abbiamo l’occasione di svelare un book speciale, con la cover personalizzata dall’artista, e che custodisce l’ispirazione e il legame di Jaume Plensa con la Maison Ruinart”.


Potrebbe interessarti anche