Auto

Salone di Detroit: ecco le 5 novità da non farsi sfuggire

Francesco Costa
24 gennaio 2017

lexus-ls-500

Si è appena concluso il Salone di Detroit 2017, anche conosciuto come NAIAS (8-22 gennaio), il primo evento dell’anno, nonché una delle manifestazioni  più prestigiose a livello mondiale per il mondo dell’automotive. Come ogni anno l’evento è stato un successo, grazie alle diverse case automobilistiche che hanno partecipato e alle numerose le novità presentate. Ecco quelle che ci hanno colpito di più.

LEXUS LS 500. Lexus ha svelato la sua nuova ammiraglia, la LS 500, una grande berlina premium caratterizzata però da una silhouette da coupè a 4 posti, molto slanciata e dinamica, frutto del migliore design giapponese. Il lusso è l’elemento prevalente, applicato soprattutto al comfort: i sedili – sia anteriori sia posteriori – hanno numerosissime regolazioni elettriche, oltre ad essere dotati di riscaldamento, ventilazione e massaggio, anche shatzu. Le sospensioni sono ad aria, per rendere più agevole l’ingresso e l’uscita dall’abitacolo, sollevando o abbassando la vettura. Estremamente curata la insonorizzazione, che permette, tra l’altro, di godersi al meglio l’impianto audio Mark Levinson 3D. Il sistema di infotainment è dotato di display touch da 12,3 pollici, ma come optional è disponibile anche un monitor da 24 pollici, il più grande attualmente disponibile su un’auto di serie. Notevoli anche le prestazioni, garantite da un motore V6 da 415 CV e da un cambio automatico da 10 rapporti, che fanno schizzare l’auto da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi, un valore da supersportiva.

AUDI Q8 CONCEPT. La casa dei quattro anelli ha presentato il prototipo che uscirà tra un anno del più grande crossover mai prodotto: un mix tra un SUV ed una coupé, per sfidare – e vincere – la concorrenza di BMW X6, Mercedes GLS e Range Rover. Un’auto estremamente futuristica, con portiere che si aprono tramite sensori che riconoscono il tocco della mano, display touch e un head-up display che proietta le informazioni di guida sul parabrezza. Motorizzazione ibrida da 405 CV e 700 Nm di coppia, trazione integrale permanente e cambio tiptronic.

MERCEDES AMG GT C 50 EDITION. A Detroit la gamma della AMG GT si allarga con l’introduzione di una nuova versione, la GT C Coupé, ma anche con il lancio della serie limitata Edition 50, dotata di particolari colorazioni e finiture. La griglia frontale “Panamericana” diventa elemento comune a tutta la AMG GT, l’asse posteriore è sterzante ed è presente l’airpanel, ovvero un sistema motorizzato di apertura della parte inferiore del frontale, per bilanciare al meglio l’esigenza di raffreddamento della meccanica con un’aerodinamenica efficiente. Da brivido le prestazioni: 557 CV, 680 Nm 3,7 secondi da 0 a 100km/h e 317 km/h di velocità massima.

KIA STINGER. La casa coreana, nota ai più per citycar e SUV, entra nella fascia premium con questa coupè granturismo sviluppata in Europa, dotata di un design grintoso ma elegante ed elevate prestazioni. Le trazione è posteriore e le sospensioni sono regolabili elettronicamente su varie posizioni per adattarsi al fondo stradale e allo stile di guida che il conducente desidera. Molto ricco l’equipaggiamento, incluso il sistema di frenata automatica che riconosce i pedoni, mentre due sono le motorizzazioni disponibili per il mercato italiano: un 4 cilindri turbodiesel 2200 cc da 202 CV e 225km/h di velocità massima, ma soprattutto un notevole V6 3.3 litri biturbo da 370 CV, il più potente motore mai realizzato da Kia, che regala un’accelerazione da 0 a 100 in 5 secondi e mezzo ed una velocità massima di 250 km/h, accompagnato da un potente impianto frenante della Brembo.

ALFA ROMEO STELVIO. Già presentata un paio di mesi fa al salone di Los Angeles, il primo SUV della casa del biscione è stato protagonista anche a Detroit, sempre nella versione top di gamma, ovvero la Quadrifoglio. L’obiettivo di Alfa Romeo era creare un SUV che trasmettesse le stesse sensazioni di una berlina sportiva, e l’ispirazione non poteva che venire dalla Giulia, da cui la Stelvio eredita molti elementi e – soprattutto – un aspetto di grande personalità e sportività. La Quadrifoglio è spinta dal motore 2.9 V6 Biturbo benzina da 510 cavalli, ispirato da tecnologie e competenze tecniche Ferrari, abbinato ad un cambio automatico ad otto rapporti. Sistema Alfa DNA con quattro impostazioni di guida (Natural, Dynamic e Advanced Efficiency, più la Race) e trazione integrale Q4 completano la dotazione.


Potrebbe interessarti anche