Fashion

Salvatore Ferragamo presenta la collezione Resort 2012

staff
19 luglio 2011


Tardo pomeriggio a Manhattan. In una elegante mansion degli anni ‘30, New York festeggia l’estate che si avvicina. Eterea e iperchic, la padrona di casa accoglie gli invitati indossando un abito lungo in seta blu, tempestato di micropaillettes e rifinito in satin. Al collo, una broche in strass che enfatizza la scollatura all’americana o un nodo-gioiello deco dalle dimensioni macro. In mano, una preziosa minaudière a specchio o una piccola clutch in velluto.
Una femminilità pura e atemporale che emana ad ogni passo, ad ogni fruscio di tessuti impalpabili. La sera si accende di bagliori argentei: punti luce e ricercati intrecci brillano su abiti fluidi e drappeggiati che scoprono la schiena e sagomano le spalle. La palette è una tavolozza che riflette e giustappone le profondità dei blu: dal navy all’elettrico, dai toni pastello ai polverosi, spesso giocati con il contraltare di off-white, grigio e Silver, ma anche associati al nero.
Aristocratica con un tocco di eccentricità, è una donna intrigata da sottili contrasti. Nelle sue mise da giorno accosta cappelli giganti in rafia e cotone, grandi occhiali da sole di forma ottagonale, borse a sacca fatte di intrecci di chaînes o frange. E ancora abbina mini top tagliati sotto il seno e profilati da fini catene in maglia metallica ad ampi pantaloni a vita alta con pattern d’ispirazione marinara. Oppure sceglie originali effetti trompe l’oeil per le righe fantasia di lunghe gonne provenzali in cotone. Nelle giornate primaverili, in valigia troverà un peacot in puro cashmere, da sovrapporre a una camicia incrociata o a uno chemisier senza bottoni, blazer e giacche svasate su shorts per i look più decontratti. Su tutto, bijoux che riconducono a raffinate atmosfere anni ‘30: nodi in strass e spille-cabochon, il connubio di giallo e bianco, i bracciali ottagonali portati in serie.
Ai piedi, calzature uniche dove l’allure contemporanea incontra l’ispirazione di alcune delle più celebri creazioni dell’archivio Salvatore Ferragamo: le altissime zeppe sono ricoperte interamente un mosaico di specchio così come lo scultoreo tacco cilindrico del sandalo con lacci in suede.
Dall’allure super sofisticata, la zeppa plexi effetto tartaruga. Ed infine, la classica espadrilla alta che si veste di raso azzurro polvere.
Tra viaggi e dosate mondanità, la passione per l’arte di una donna naturalmente elegante, sicura interprete della nuova essenza dello chic. Senza soluzione di continuità tra passato e presente.

 

Luca Micheletto


Potrebbe interessarti anche