Lifestyle

Sanremo 2016: i top e i flop della seconda serata

Azzurra Bennet
11 febbraio 2016

sanremo-pubblico-in-visibilio-per-eros-e-nicole-kidman-incanta-lariston_5fd07f08-d04a-11e5-8987-18328cfb5910_998_397_big_story_detail

Il secondo appuntamento sul palco dell’Ariston si apre con l’esecuzione delle canzoni delle nuove promesse che si sono esibite in coppia a sfida diretta. Le due canzoni vincitrici sono “Introverso” di Chiara Dello Iacovo e “Odio le favole” di Ermal Meta, che riescono ad accedere alle semifinali di Venerdì.

La serata assume finalmente un tono allegro e originale con l’eclettica performance delle Salut Salon, gruppo formato da musiciste femminile acrobate che suonano rispettivamente pianoforte, violino e violoncello. Le ragazze, che oltre a essere tremendamente brave sono anche simpatiche, hanno spopolato poco tempo fa con un video su Facebook.

Carlo Conti, dopo essersi assicurato di non risultare troppo scuro nello scatto di una piccola spettatrice, annuncia la super ospite della serata: Nicole Kidman e così inizia la scaletta dei campioni.

Prima in gara è Dolcenera, in forma smagliante: l’unica parola per descriverla è splendida.

2

A questo punto entra in scena Carla Fracciinterpretata da una Virginia Raffaele che questa volta supera se stessa – sulle note della morte del cigno. Si rischiava di confondere davvero la sua reale identità mentre metteva Carlo Conti “al suo posto”.

Sale quindi sul palco un’icona della musica italiana: Patty Pravo entra come concorrente in gara (anche se di primo impatto pensavo fosse arrivato Gabriel Garko con una parrucca bionda). Un’interpretazione non eccezionale, ma che comunque si aggiudica una standing ovation dal pubblico in sala.

Il medley dei successi questa volta tocca a Eros Ramazzotti che canta le sue canzoni più famose, tra cui l’immancabile “Più bella cosa”. Ma il grande applauso scatta quando si esibisce con il suo ultimo singolo, “Rosa nata ieri”, dopo aver preso dalla moglie il simbolico nastro arcobaleno. 4

Oltre a Nicole Kidman, il superospite internazionale di questa sera è il pianista e compositore Ezio Bosso, affetto da una malattia neurodegenerativa che lo limita nel parlare e nei movimenti, ma sicuramente non nel toccare le corde giuste: sia quelle del pianoforte che quelle dell’anima. «Noi diciamo che perdersi è brutto, ma perdere le paure, perdere i pregiudizi, perdere il dolore è un bene» ha detto il maestro, emozionando il pubblico ancora prima di esibirsi. Standing ovation per la sua conclusione: «La musica come la vita si può fare solo in un modo: insieme»: uno dei momenti di grande impatto dello show, sicuramente più impressionante dell’apparizione dell’attrice di fama internazionale.

3

Nicole infatti è simpatica, ha classe, era una delle mie attrici preferite ma, una volta salita sul palco vicino a Garko, mi fa dubitare dell’esagerazione dei ritocchini dell’attore. Voto: monoespressione.

Classifica della serata:
Passando dallo show agli esisti della gara campioni, due verdetti diversi per il gruppo dei cantanti in testa – Annalisa, Valerio Scanu, Francesca Michielin, Elio e le storie tese, Patty Pravo – e quelli a rischio eliminazioneZero Assoluto (che incredibilmente riescono a cantare un testo intero senza nemmeno un tudududu), Dolcenera, Neffa, Alessio Bernabei.


Potrebbe interessarti anche