Advertisement
News

Sergio Rossi inaugura un nuovo concept store a Londra

staff
13 ottobre 2011


Dopo il debutto del nuovo concept della boutique di Roma lo scorso novembre e di quello delle boutique di Parigi a febbraio 2011, ora è la volta di Londra: Sergio Rossi ha inauguarato il nuovo design della boutique al 207A di Sloane Street.
Il nuovo concept store Sergio Rossi di Londra è un tributo alla femminilità della donna italiana ed un omaggio seducente alle icone italiane. La nuova boutique Sergio Rossi celebra la bellezza e il potere delle donne ispirandosi alla linea sinuosa della scarpa con tacco vertiginoso.
In collaborazione con il Direttore Creativo della maison, Francesco Russo, lo studio di design Studioilse di Londra, ha immaginato una scenografia dove i valori dell’essenza del marchio Sergio Rossi prendono nuova vita. Aperto per la prima volta nel 2007, questa prestigiosa boutique di 55 metri offre ai passanti uno spettacolo duplice della prova delle scarpe, cerimonia osservabile con indiscrezione da voyeur. Simbolo del fetish e della seduzione, la scarpa Sergio Rossi occupa il centro della scena in quattro vetrine dedicate alle due anime del negozio: il “palcoscenico” e il “dietro le quinte”.
Il “palcoscenico” è caratterizzato da una serie di luminosi espositori a forma di cubo realizzati in ottone e una dormeuse di velluto rosso. Infiniti giochi di luce attirano le clienti all’interno di un boudoir accogliente dove provare un paio di decolletè o di stivali. Le pareti sono rivestite da tende drappeggiate nei toni dell’incarnato, sulle quali sono appoggiate scarpe sostenute da piedistalli trasparenti. Il ticchettio dei tacchi risuona sul pavimento in marmo bianco e nero con motivo a spina di pesce. Lampade da terra e grappoli di lampadine rivestite in ottone che pendono dal soffitto a diverse altezze danno un tocco di teatralità all’interno di un ambiente dall’intimità domestica: uno speciale camerino di prova sotto gli occhi di tutti.
In netto contrasto con il “palcoscenico”, il ”dietro le quinte” è caratterizzato da un’atmosfera più buia, più intima: luogo ideale per il gioco della seduzione. Avvolto da tende blu scuro a tutta altezza, un enorme divano di velluto blu emerge da un morbido tappeto sul quale è adagiata una pelle di zebra, un’ammiccante invito a camminarci a piedi nudi. La poltrona “Ardea” di Carlo Mollino invita l’ospite maschile ad aspettare e osservare. Su una parete si trova uno scultoreo espositore tondeggiante in vetro e ottone; su un’altra è appoggiata una scaffalatura in ottone ispirata a Franco Albini, posizionata di fronte a un trittico di alti specchi. Lampade a stelo creano misteriosi, enigmatici coni di luce che accentuano l’atmosfera di velato voyeurismo.

 

Luca Micheletto


Potrebbe interessarti anche