Alexander McQueen

Mirco Andrea Zerini
6 marzo 2017

Un po’ gipsy e un po’ medievale: è la nuova donna firmata Alexander McQueen, proveniente dalla Cornovaglia e ancorata alle sue tradizioni antiche.

Sarah Burton omaggia una terra affascinante e misteriosa in ricordo della sua fanciullezza e disegna una collezione autunno-inverno 2017/2018 caratterizzata da un mix and match di tessuti, lavorazioni, dettagli e stili che garantiscono un risultato ricco e variegato.

In passerella total look in pelle, abiti lunghi in tinta unita o con fantasie tapestry, minidress in organza e tulle con trasparenze audaci nascoste qua e là dalle lavorazioni, longdress in pizzo asimmetrici o ricchi di ricami, applicazioni shiny e piume.

Eccentrica e colorata, la new collection si concede attimi di pausa con le uscite total black: blazer senza maniche si abbinano a pantaloni comodi e larghi, jumpsuit attillate si chiudono con lunghe cinture in pelle e, insieme, si contrappongono al nero più elegante della sera per tripudi di pizzo, seni in vista, effetti vedo non vedo e applicazioni decor.

Anche gli accessori sono molti, proprio come i capi in passerella: le maxi bag diventano maxi pochette da portare con disinvoltura a mano e si colorano di ricami o di inserti in pelliccia, mentre le calzature – sneaker, boots e camperos – hanno borchie e dettagli lace-up.

Una collezione che si spinge molto indietro nel tempo ma che, grazie alla sapiente mano della designer, risulta in linea con i tempi ed assolutamente moderna, a dimostrazione che il passato è contemporaneo e che le lezioni antiche valgono anche nella nostra quotidianità.