Alexander Wang

staff
8 settembre 2012

Bianco, nero, tagli geometrici: queste le parole chiave della collezione PrimaveraEstate di Alexander Wang. Nessun pantalone in passerella: solo rigide gonne e abitini si prestano alla rappresentazione del suo concetto di femminilità. “Dopo l’austerità della scorsa stagione, ho voluto scomporre i miei capi, sperimentare con i volumi”. Ed è esattamente questa idea di decostruzione che si percepisce nel corso dello show. Forte enfasi conferita alla forma concretizzata in abiti-maglia in cotone bianco o nero e giacche di pelle dal design grafico. Per un tipo di femminilità decisamente moderno.

 

Valentina Nuzzi