Angelos Bratis

Lucrezia Brunello
21 settembre 2013

01

Sembra quasi di sentire le raffiche del Meltemi e il profumo di salsedine sulla pelle alla sfilata di Angelos Bratis per la Primavera-Estate 2014. Al suo debutto sulle passerelle milanesi, il giovane designer sceglie di ispirarsi alle sue origini, la Grecia. I caftani-kimono fluttuano al soffiare del vento, la rafia naturale delle gonne e delle giacche ha il colore delle spiagge abbaglianti. Le casacche e gli abiti minimali trovano movimento nei tagli asimmetrici e nel drappeggio, vero leitmotiv della poetica dello stilista. Ogni capo ha un richiamo al paesaggio delle isole greche, soprattutto nei colori: bianco, blu, azzurro, gesso, salvia e cipria.

Lucrezia Brunello

Guarda la collezione:

02

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7