Antonio Marras

staff
25 febbraio 2012

Antonio Marras per l’Autunno-Inverno 2012/2013 omaggia la città di Milano,la sua nebbia,i suoi colori, le sue vie, le sue donne. Da una lettera di Cesare Pavese a Milly, icona degli anni del primo Dopoguera, nonché interprete, incarnazione, metafora vivente della città lombarda, nasce l’ispirazione dello stilista. I vestiti si trasformano in parole e immagini che raccontano una leggenda.

Una collezione in stile retrò dall’eleganza vintage delle stampe floreali, gli inserti in volpe sui trench, le mantelline in astrakan e le fantasie che ricordano tappeti. Stole importanti avvolgono semplici tubini. Tailleur di pizzo e seta e abiti ricamati di paillettes con velature in tulle impreziosiscono le serate.
I colori spaziano dal giallo al marrone, dal verde al bordeaux, dal rosso al nero con tocchi d’oro. Quanto alle borse, la scelta ricade sulle pochette lunghe in accordo perfetto con le linee guida della collezione.

 

Lucrezia Brunello