Balmain Homme

Ottavia Pomini
21 gennaio 2017

“The Show Must Go On”, cantava Freddie Mercury. Il giovane e talentuoso direttore creativo di Balmain, Olivier Rousteing, ha presentato la sua collezione autunno-inverno 2017/2018,  intitolata “Camouflage meets Couture”, sulle passerelle della fashion week parigina, schierando ancora una volta la sua “Balmain Army” in onore delle grandi rock star scomparse lo scorso anno.

Guidato dalla musica rock’n’roll dei mitici anni ‘80 e dagli accenti grintosi dell’heavy metal, il designer si muove su un percorso di stile che parte da capi camouflge che incontrano l’haute couture per arrivare ad un mood new-barocco che fa propri diversi elementi gotici.

L’uomo Balamain indossa classiche giacche in cotone verde oliva indossate sopra a top neri decorati da filigrane d’oro e a magliette con stampe che raffigurano tigri, uccelli e immagini ispirate dai fan. Lo show prosegue in un crescendo di capi, che via via diventano sempre più opulenti, come gli abiti ricoperti da vistose gemme e le tuniche in stile antica Roma. La ricchezza e l’eccentricità della line up viene interrotta a tratti da creazioni più semplici e minimali, come maglioni neri con nastrini e sciarpe di lana lunghe e strette. Il capo must have per eccellenza? Il bomber camouflage abbinato a pantaloni cargo e a maglioni scintillati.

Olivier Rousteing completa la collezione di questa stagione con una linea di 200 accessori, che comprende scarpe e borse in pelle con decori ispirati alla gold couture e a una moneta trovata dallo stilista negli archivi di Pierre Balmain.

Una collezione di eccessi ed energia, che definisce un nuovo mood a metà strada tra il barocco e il rock’n’roll, in pieno stile Balmain.