Blumarine

Emanuela Beretta
27 febbraio 2015

Per l’autunno-inverno 2015/2016 di Blumarine Anna Molinari ha tratteggiato una Signora sempre affascinante e romantica. Una donna in partenza per un viaggio immaginario, dove stile, confort, glamour e personalità devono coesistere. In passerella si alternano volumi ampi e morbidi, forme fluide e ricche, vita alta e continue contrapposizioni che identificano lo spirito della collezione dedicata a Baby Jane Holzer negli anni della Factory.
I tagli sono – come sempre – precisi, ma delicati, la silhouette morbida, i ricami sapienti, gli accostamenti perfetti. L’alternanza dei tessuti passa dall’impalpabile organza, georgette e chiffon alla consistenza della pelle che dona grinta e vivacità al tutto. Il viaggio si apre con un’avvolgente giacca cardigan in visione grigio perla con intarsi a trecce, motivo ricorrente del défilé. I cappottini strizzati in vita hanno lunghezze altalenanti, la maglieria è confortevole e preziosa. Abiti e casacche sono illuminati da pietre colorate e jais, tessuti lurex e spalmati che accendono il grigiore invernale. La sera è fatata e personalizzata dalla delicatezza di un abito in voile con l’applicazione di impalpabili rose, il tema tanto amato dalla grande Anna. La palette punta sui colori naturali come grigio, sabbia, nero e cuoio. Di scena una sfilata ricca, un viaggio attraverso la femminilità di una donna dolce, sofisticata e inquieta. Molto interessante!

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10