Céline

Luca Antonio Dondi
2 ottobre 2016

Classico e moderno, vecchio e nuovo, uomo e donna: tutto si fonde per dare vita alla primavera-estate 2017 firmata Céline. Phoebe Philo crea una collezione dai tratti romanticamente femminili ma anche un po’ androgini, che strizza l’occhio al vintage pur rimanendo al passo coi tempi.

Focus dello show è il suo centro fisico, attorno al quale, ordinatamente e con tanto di pass al collo, osservano la sfilata la figlia della designer in compagnia delle sue amiche. Un posto privilegiato dal quale sicuramente non passano inosservati i dettagli chiave della collezione: completi maschili portati sopra ad abiti di chiffon, pennellate color Blu Klein su abiti lunghi risvoltati al ginocchio, tagli cut-out sui fianchi dei vestiti e dei cappotti oversize, borse rigide anni Cinquanta e tote bag dall’esagerata forma allungata, sandali flat intrecciati e calze portati con disinvoltura. Poi longuette e gonne midi plissé, chemisier che sembrano indossate al contrario, pettorine inserite negli abiti, soprabiti di vinile con borchie applicate, bijoux geometrici e occhiali futuristici.

Una creatività sotto il segno del minimalismo che esplode nell’ultima uscita quando a un abito-coprispalla rosa confetto si abbinano collant bianche e ankle boots spaiati: uno rosso e l’altro bianco. E sotto l’occhio vigile della figlia, il giudice più severo, si consuma la collezione di Céline, tra nuovi trend e must-have originali per la prossima stagione.

  • 10
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9