Chanel

Martina D'Amelio
8 marzo 2016

Tutti in prima fila da Chanel: per l’autunno-inverno 2016/2017 Karl Lagerfeld fa del Grand Palais l’atelier couture di Madame Coco, e porta in scena gli antichi fasti a suon di perle e bouclé.
Front row only, e così la passerella lunga 600 metri si snoda davanti alle sedute dorate di 2000 fortunati nel posto d’onore, l’unico che si addice agli esclusivi ospiti dello studio di Coco Chanel in Rue Cambon, la location mitica che grazie a specchi e moquette Lagerfeld ha voluto ricreare per l’occasione.
Sfoggiati in passerella dalle top del presente come Gigi Hadid, Maria Carla Boscono, Vittoria Ceretti e Kiki Willemns, i capi preferiti dalla signora della moda si susseguono nelle oltre 90 uscite studiate dal Kaiser come omaggio a un passato mitico e sempre attuale.
Pochi sanno che Coco iniziò la sua carriera a partire dalla creazione di cappelli: e sembrano proprio questi gli accessori protagonisti del defilè, in una forma circolare che tanto ricorda quella che la stilista amava indossare. I simboli della Maison ci sono tutti, reinterpretati alla luce di una nuova sensibilità. Il bouclè la fa da padrone e si veste di tinte come il fucsia, il viola, il bordeaux, il cammello, il rosa sui tailleur e sui completi dalle maxi tasche, accoppiato sovente a raso, chiffon e denim. Le perle diventano maxi e si indossano a grappoli al collo o ai polsi, sorreggono i copricapi o si trasformano in vistosi collier; il classico motivo a catena ricompare nelle giacche e resta fedele alle micro bag, oppure si reinventa dettaglio di stile nelle cinture. Il matelassè è protagonista dei piumini tecnici o studiata lavorazione a filo d’oro su abiti lunghi, maglieria e giacche in tweed, mentre la camelia si ingigantisce sottoforma di stampa sui panta palazzo e sulle camicie in seta. Il black and white diventa prerogativa della sera, in un tripudio di longuette di piume, dress a balze, tubini lurex e inserti in pizzo. A contrastare il generale tono da couture – le borse a forma di rocchetto ne sono una prova – Lagerfeld introduce qualche spunto active, tanti stivali in pelle da cavallerizza intrecciati alla caviglia, stringhe da ranch in vita a spezzare il romanticismo degli abiti di rouches, occhi, mani e Choupette come irriverenti bijoux.
In fin dei conti, oltre che di Chanel, c’è tanto dello stilista tedesco in questa collezione. Cosa avrebbe pensato Coco, nell’assistere a questo tributo alla Karl? Non lo sapremo mai. L’unica cosa certa è che sarebbe stata seduta in prima fila.

  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016
  • Chanel RTW Fall 2016