Chanel Métiers d’art Paris in Rome

Luca Antonio Dondi
1 dicembre 2015

Schermata 2015-12-02 alle 13.11.42

Un’atmosfera magica e un profumo d’altri tempi hanno inondato Roma la scorsa notte quando ha avuto luogo la sfilata Métiers d’art di Chanel dal titolo “Paris in Rome 2015/2016”. Il fascino bon ton parisienne della Maison si è unito al glamour dello stile italiano in una collezione che si ispira al cinema del Bel Paese prendendone in prestito il luogo simbolo: Cinecittà.

In uno scenario che riproduceva i fasti dell’antica Roma è stato proiettato il nuovo corto di Karl Lagerfeld Once and Forever, mentre il defilè si è svolto nello Studio N°5, il preferito di Fellini. Qui il Kaiser ha riprodotto una Parigi dall’animo antico e quasi oscuro in cui le modelle, con passo deciso, hanno svelato gli abiti della collezione uscendo dalla stazione della metropolitana Rome.

I colori autunnali e terrosi della Città eterna si fondono con i classici blu, crema e nero firmati Chanel, così come l’iconico tweed crea nuove superfici a contatto con jersey, lana bouclé, cachemire, velluto, georgette e crêpe di seta. L’eleganza senza tempo del completo blazer-gonna in tweed si moltiplica con l’aggiunta di pantaloni a sigaretta, longuette in pelle matelassè si fanno quasi gotiche insieme a bluse di pizzo o crop top, spolverini e cappotti ricamati proteggono la delicatezza di preziosi tubini. Piume e dettagli tridimensionali in seta ornano gonne e top per il giorno, mentre la sera il nero sublime domina abiti lunghi, camicette e soprabiti. Tra gli accessori, immancabili le ballerine e le décolleté bicolor e la 2.55, insieme a pochette ricamate, clutch in plexiglass, collant, stole e raffinati gioielli.

Al termine della sfilata, la “Parigi a Roma” ha preso vita con la musica di cantanti liriche, DJs e artisti di strada che si sono esibiti di fronte alle modelle e a un pubblico d’élite formato dalle ambasciatrici della Maison Kristen Stewart, Anna Mouglalis e Zhou Xun e poi Rooney Mara, Geraldine Chaplin, Kasia Smutniak, Alessandra Mastronardi e tanti altri ospiti.

 

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • 68
  • 69
  • 70
  • 71
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • 82
  • 83
  • 84
  • 85
  • 86
  • 87