Christian Dior

staff
28 settembre 2012

La collezione primavera/estate 2013 di Dior è firmata per la prima volta da Raf Simons che punta su una sensualità mai ostentata. Simons inizia con quella che sembra una graduale destrutturazione dello smoking che parte come completo, continua con la giacca tuxedo in versione mini-abito e finisce perdendo la sua parte superiore e trasformandosi in un abito bustier. Le gambe continuano a scoprirsi mentre il rigore del completo lascia spazio ad ampie gonne e ad abiti asimmetrici e drappeggiati resi preziosi dalla seta croccante. I capi vengono resi speciali dalle maxi applicazioni e dalle code asimmetriche e coloratissime. L’attenzione si sposta anche per la sera sulla parte inferiore del corpo, coperta da splendide ed ampie gonne balloon.
Lo stilista al suo debutto sceglie di partire cauto con i colori, fino a farli esplodere con l’aiuto dei motivi rigati e dell’opalescenza dei tessuti: giallo acceso, ciclamino, arancione, rosso e lilla sono validamente intervallati dal black and white che, si sa, è sempre una buona scelta.
Interessante rivisitazione della sensualità in chiave “mini”.

 

Beatrice Repossi