Christopher Kane

Mirco Andrea Zerini
18 settembre 2017

Il basement della Tate Modern di Londra accoglie la sfilata primavera-estate 2018 firmata Christopher Kane.

Per la prossima stagione, l’eclettico designer si ispira ad una donna perbene, la classica padrona di casa – riscoperta in una veste nuova ed inconsueta: sul catwalk ritrova, per la prima volta, la sua vera natura e il suo stile.

Fiori 3D o stampati, rouches, volant e trasparenze dominano lo show e trovano spazio su cappotti con maxi revers, trench coat con colletti in pizzo, abiti in maglia e vestiti asimmetrici multicolor, che compongono il guardaroba di questa donna raffinata.

Tutt’un tratto però, il romanticismo glamour di Kane sembra incrinarsi: felpe tagliate piene di zip metalliche, guanti in pelle bianca che ricordano camici da ospedale e gonne in pizzo volutamente sgualcite irrompono in passerella, e la sua musa si abbandona alla perversione.

La palette è molto vasta: i colori neutri non mancano, ma risultano preponderanti le tonalità pastello come il rosa e e l’azzurro polvere e quelle più vivaci come il rosso e il giallo, che intervengono come note stonate a sottolineare la duplice atmosfera, in bilico tra reale e surreale.