Cristiano Burani

Alberto Corrado
20 febbraio 2014

01

La collezioni gioca sulla ispirazione grafica con contaminazioni in bilico tra presente e futuro.
La suggestione spaziale di un’immagine piana può essere così forte che si possono suggerire su di essa dei mondi che, in tre dimensioni, non potrebbero assolutamente esistere.
L’immagine che risulta è quella di una donna con ampi cappotti, caldi e avvolgenti che si allineano ai capi in pelle per dare un twist di stile rock e da bike alla collezione.
Le silhouette degli abiti si allungano, con maglie a collo alto nere abbinate a gonne corte a ruota o a gonne svasate, che rendono la figura più giovane, armoniosa e frizzante.
Non mancano anche abiti e completi lunghi, che si fanno ampi, dalle forme oversize, con tessuti leggeri come cady accoppiato lucido-opaco e l’organza ricamata a mano.
Tanti colori scuri dal nero al taupe , con pochi sprazzi di rosso e di bianco e qualche stampa che inneggia ad uno stile decisamente orientale ed etnico.
Il must have è la pelliccia double face in volpe intarsiata a mano in colori naturali a contrasto oppure la mongolia abbinata a xiongao per una donna dallo spirito giovane e curioso, una viaggiatrice sufficientemente sicura di sé da non essere “label addicted“.

Alberto Corrado

Guarda la collezione:

02

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9