Daks

Mirco Andrea Zerini
16 settembre 2016

La settimana della moda di Londra ospita la collezione primavera-estate 2017 firmata Daks, ricca di influenze provenienti da una terra lontana ed assolutamente affascinante come l’India.

Filippo Scuffi, creative director del brand, ha portato in passerella una donna viaggiatrice, cittadina del mondo e a tratti sognatrice che ha subito trasportato il pubblico del front row in un’atmosfera esotica. File rouge della collezione i turbanti voluminosi in tessuto e i gioielli vistosi ed importanti in argento – orecchini e maxi collane –che ritornano come un motivetto anche su alcuni capi e sulle calzature, ricche di dettagli metallici.

La collezione si compone di abiti al polpaccio, longdress leggeri ed impalpabili, tuniche, pantaloni ampi abbinati a bluse trasparenti, minidress in suede e blazer dalle linee maschili. Tutto si mescola e si mixa: un gusto prettamente italiano si intreccia all’animo del marchio e, insieme, vengono contaminati dalle tradizioni e dagli usi di terre lontane e misteriose.

La palette è scarna e rispecchia proprio questa commistione di stili: si va dal bianco alle tonalità calde dell’arancione e del marrone che sfocia nel burgundy, dal nero al grigio passando anche per pattern floreali, fantasie caleidoscopiche e tartan in cromie insolite.

Il risultato è equilibrato, per una collezione portabile e assolutamente ready-to-wear nel più puro stile del marchio inglese.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10