Dirk Bikkembergs

Ottavia Pomini
18 giugno 2017

Verità, mascolinità e sicurezza caratterizzano la collezione primavera-estate 2018, presentata da Dirk Bikkembergs durante l’ultima settimana della moda di Milano.

Il direttore creativo Lee Wood si è lasciato ispirare all’architettura brutalista dando vita a una linea semplice e di carattere, senza eccessi, colorata da una  palette che amalgama note organiche di bianco, avorio, sabbia, cammello chiaro e grigio perla a lampi di azzurro, verde e nero.

Sfilano in passerella completi, con blazer doppiopetto eleganti, classici e ipermascolini, reinterpretati in chiave contemporanea grazie a tagli precisi, volumi decisi e grazie a un’ampia scelta di tessuti: cotone, lino, lane secche e vitello vengono accostati a materiali tecnici in viscosa. Compaiono grandi parka, bluson e pantaloni dritti con grandi risvolti sul fondo, evidenziando dettagli e costruzioni.

Ai piedi dei modelli stivali e sandali funzionali che ancorano la silhouette a terra, suggerendo mobilità e presenza.

In tutta la sua sofisticata crudezza l’uomo di Dirk Bikkembergs trova il proprio equilibrio in una brutale onestà, riuscendo così ad affermare la sua forza, in una società sempre più incline alle menzogne.