Etro

Martina D'Amelio
18 gennaio 2016

Suggestioni letterarie e naturalistiche prendono vita sulla passerella di Etro per l’autunno-inverno 2016/2017, dedicata a uomini “da favola”.

Un tuffo nella natura che ci circonda, una passeggiata tra i boschi, un’occasione per ripensare l’essere umano non come entità a sé stante, ma come parte del mondo animale. Tutto questo esprimeva l’americano Walt Whitman nella sua raccolta poetica, Leaves of Grass. Kean Etro trasforma le parole in abiti: sul catwalk sfila un riuscito omaggio allo stile rustic-chic.

I volumi sono morbidi, confortevoli, le linee seguono naturalmente il corpo grazie a giacche destrutturate e pantaloni cropped. Il knitwear è in primo piano, grazie a girocollo con maxi treccia dalla lavorazione sfrangiata; la jumpsuit da spaventapasseri si veste di colori notturni e tessuti gessati, oppure di un contadino motivo check. Protagoniste la stampa paisley, che dona vigore alla giacca in velluto, pezzo di punta della collezione, e quella boschiva che vede avvicendarsi piccoli conigli, foglie e fiori. Quest’ultima trova il suo contrappunto nella trama zebrata o animalier, utilizzata per i trench e le giacche in finto pelo. L’atmosfera da foresta incantata è riflessa dalla palette cromatica, interamente giocata sui toni del cielo e della terra, come il verde, il marrone, il mattone, il blu scuro, con inediti accenti di blu cina (nei pantaloni di velluto), rosso fuoco (per la giacca di paillettes), vere e proprie evasioni letterarie.

Human bodies are words, myriads of words” e “In the best poems re-appears the body”, scriveva il poeta americano in Carol of Words: gli abiti dell’uomo Etro rendono protagonista il suo corpo e ciò che lo circonda, per un risultato davvero poetico.

  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016
  • Etro Men's Fall 2016