Advertisement

Etro

staff
25 febbraio 2011

 

Per la collezione autunno-inverno 2011/2012 Veronica Etro parte dal recupero di antiche civiltà e dei loro inestimabili tesori fatti di arazzi antichi, tappezzerie e passamanerie.

Il raffinato Palazzo del Ghiaccio di via Piranesi viene così trasformato in un museo delle antichità dove sfila l’elegante risultato di un assemblaggio attento e rispettoso di tradizioni millenarie che porta a rivoluzionare tessuti quasi consunti dal tempo.

Il linguaggio decorativo, affidato ai caratteristici motivi Paisley intrecciati o interrotti nelle fasce simili a passamenerie e alle stampe tapestry tridimensionali, affonda la radici nell’iconografia di antiche popolazioni di confine.

Un’estetica raw e tagliente che si traduce in forme solide e in una silhouette a colonna, strutturata ma femminile.

I colori sono vibranti e si fondono con i toni del carbone e della ruggine in tutte le loro gradazioni.

I riflessi metallici si moltiplicano negli accessori e nei gioielli mentre il classico Paisley riappare così ossidato come argento sulle borse squadrate.

Le pochette di pelle corrugata come astrakan, gli ankle boot e i sandali da sera sono solcati da vistose cerniere e catene che ricorrono anche nelle cinture e nei collier “barbarici” post-industriali, lucenti come le corazze e le spade delle valchirie.

 

Luca Micheletto