Fendi

Mirco Andrea Zerini
26 febbraio 2015

Un fiore di sterlizia che fa capolino dalle borse sembra essere il fil rouge della nuova collezione firmata Fendi per il prossimo autunno-inverno.
Silvia Venturini Fendi e Karl Lagerfeld portano in passerella un’eleganza sofisticata rivisitando forme e volumi tipici degli anni ’70.
Le prime uscite si contraddistinguono per il candore quasi accecante di cappotti doppiopetto oversize, abiti longuette e deliziosi minidress in pelle con tasche applicate, da indossare con camicie dal taglio maschile. Ci si sposta poi verso tonalità più calde ed energiche come il terra di Siena e il rosso per lunghe pellicce con bande a contrasto e pantaloni a zampa. A dominare le uscite centrali del catwalk sono il nero e il cuoio declinati in tutte le sue nuances che mixate creano pattern geometrici: corpetti che sembrano armature, rivisitazione della salopette, felpe in cui l’astrakan si mescola al visone, peacoat maschili o cappotti patchwork ben strutturati.
Particolare l’uso del duvet non solo per giacche sportive, rese quasi couture, ma anche per minidress e longdress in fantasia che creano nuovi volumi.
Gli accessori non deludono le aspettative: calzature grintose, aggressive e, tra le borse, ritornano l’iconica Peekaboo nella versione maxi, mini o micro e la più nuova By The Way; belle anche le maxi pochette con linee che s’ispirano alla tradizione. Una sfilata degna di nota.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10