Gianfranco Ferré

staff
26 settembre 2011


Bianco, carne, noir e qualche rarissimo tocco pansé e fucsia per la collezione di Ferré. L’essenzialità delle forme, la linearità dei tagli, la semplicità (o meglio, l’assenza) delle fantasie, rendono il brand inconfondibile. In linea con lo stile dei capi, anche la pettinatura delle modelle, tutte rigorosamente con chioma liscissima, che cade “a piombo”. Capelli dritti così come sono dritte le donne e i pantaloni flosci. In mezzo a tutta questa quasi eccessiva rigidità, dove evidentemente mancano quel dinamismo, quel senso di “movimento” dei tessuti evanescenti e svolazzanti, Ferré riesce a inserire un tocco di classico bon-ton, tramite uno chemisier di seta molto più leggero, dinamico, accostato da accessori in coccodrillo strabilianti. Strascichi, monospalla, spacchi accentuati: questi gli elementi must. Un marchio, una garanzia.

 

Diletta Irace