Giorgio Armani

Luca Antonio Dondi
23 giugno 2015

Giorgio Armani porta in passerella, per la collezione maschile primavera-estate 2016, la delicatezza e l’essenzialità, senza mai trascurare l’eleganza che da sempre lo contraddistingue. La silhouette si fa scivolata e morbida, non è mai aggressiva e punta sulla sartorialità estrema. I pantaloni ampi o a sigaretta in lana o cotone rendono fluido e leggero ogni look, bilanciato da blazer destrutturati, pullover in cashmere, giubbotti di pelle o classici impermeabili. T-shirt a manica lunga e camicie avvolgono uniformemente il corpo dei modelli, alternando audaci scollature a V a più ampi scolli rotondi. A fare da cornice, una palette di colori e texture vasta e nuova: i classici grigi. i toni color sabbia si uniscono al color carne, azzurro nuvola, glicine e blu inchiostro; a queste si adattano poi classiche stampe check dal sapore inglese, righe e segni grafici che mettono ancor più in risalto la geometria nitida delle forme. Dell’universo accessori fanno parte una serie di borsoni, valigette, zaini e tracolle realizzate a mano e interpretate in chiave moderna, oltre a cappelli, occhiali da sole e cinture. Sfila un uomo Armani amante della vita metropolitana, attento ai dettagli, sofisticato nella scelta dei capi e portatore di un’eleganza sobria e delicata.