Giorgio Armani

Lucrezia Brunello
25 febbraio 2013


La donna Giorgio Armani sfila in passerella con la classe e l’eleganza che la contraddistingue. Stile da garçonne, spirito indipendente. Sicura di sé, nei sui abiti sobri ed essenziali, non ha bisogno di sedurre, di vestire per compiacere gli uomini. È indipendente, libera da ogni conformismo e, per questo, così affascinante. Giacche e mini cappe con bottoni gioiello, morbide bluse, gonne-bermuda per il giorno, lunghe per la sera colpiscono per il loro charme. Piace giocare con gli accessori maschili trasformandoli in inevitabili dettagli di femminilità: cravatte legate a fiocco, bretelle preziose, gilet portati come top, scarpe stringate a intreccio e immancabile basco, ornamento della testa. Il velluto nero per la sera si illumina con i cristalli di bracciali e anelli, e paillettes di abiti e pantaloni. Una collezione di carattere, dal minimalismo che ammalia, come solo Armani sa fare.

Lucrezia Brunello