Giorgio Armani Privé

Martina D'Amelio
24 gennaio 2017

Giorgio Armani conquista Parigi con l’ultima collezione Privé, dove protagoniste sono le mille sfumature dell’arancio: un’ Haute Couture 2017 vitaminica per affrontare i prossimi Oscar (e non solo) con rinnovato ottimismo.

Il colore è un potere che influenza direttamente l’anima” professava l’eclettico astrattista russo di fama mondiale Vassily Kandinsky, ed effettivamente l’orange scelto da Re Giorgio per caratterizzare la propria linea di Alta Moda andata in scena al Theatre de Chaillot ha un potere di persuasione notevole sullo spettatore. Energetico e vitale, in passerella è declinato in tante tonalità diverse: dal mandarino al curcuma, dal senape al pompelmo, per un’infusione di benessere che dà la giusta carica.

Sarà per questo che la donna Privé incede sicura di sé, fasciata in tute di seta sfumate d’oro, mini giacche ricamate o in coccodrillo, pantaloni scivolati, bustier di pietre preziose e abiti lunghi tempestati di cristalli. Il focus è tutto sulle spalle, dritte, disegnate e ingentilite da stole luminose, oppure voluminose grazie a micro bomber cocco arricciati.

Una punta esotica è tradita da gonne ampie come parei dalle delicate nuances nei colori dell’alba, dalle cinture legate in vita come fusciacche e dai maxi gioielli di pietre dure, ma più che un’esortazione al viaggio il designer ci regala questa volta un compendio sulla bellezza dell’attimo, tutto da assaporare come il sorgere del sole.

Che è pronto a tramontare serenamente quando incontra il nero della notte e dà vita ai vestiti da sera in puro stile Armani, contraddistinti da pizzi plissè, applicazioni luxury, vibrati di piume e paillettes. Quelli, per intenderci, che tanto piacciono alle dive da Oscar come Nicole Kidman e Isabelle Huppert, fresche di nomination e sedute in prima fila. Solo per lui.