Grinko

Ottavia Pomini
22 febbraio 2017

Una collezione per l’autunno-inverno 2017/2018 presentata da Grinko, durante la Fashion Week di Milano, intima e dalla forte emozionalità, che trasmette un messaggio d’amore universale. Lo stilista e il suo compagno, vogliono condividere con il mondo l’annuncio della nascita delle loro figlie, Emma e Sophie, raccontando attraverso la linea, intitolata ‘’The doll’s house’’, come la forza dell’amore trascenda qualsiasi pregiudizio sul concetto di famiglia tradizionale o genere sessuale.

Gli slogan ‘’Love gives life’’ e ‘’love makes family’’ racchiudono l’essenza della collezione, contraddistinta da capi active-wear di lusso, che flirtano con un’eleganza sartoriale rivisitata attraverso un twist moderno, mentre fit aderenti convivono con dimensioni over. Il mood riflette la passione del designer per i clash culturali, la scena post-punk londinese dei primi anni ’80 si incontra con il rigore vittoriano, creando sorprendenti contrasti di texture, dove tessuti tecnici sono accostati a materiali e filati naturali. Su classici velluti e fluide sete, lo stilista propone sotto forma di stampa, le lastre delle prime ecografie delle figlie, dando vita a un effetto dirompente, irriverente e poetico, come l’arrivo di una nuova vita.

Sfilano outfit audaci, gonne con orli ad altezze irregolari, abiti dai tessuti a contrasto e top dai dettagli asimmetrici. Anche gli accessori giocano con le contrapposizioni: berretti tradizionali siciliani, da indossare al contrario, si abbinano a borse bustina rivisitate in chiave punk, realizzate da Goerri, a scarpe iper-femminili, firmate Mario Valentino e ad occhiali dall’urban attitude che segnano una nuova collaborazione con Neubau Eyewear.

Terminata la line-up, il designer, sorprende il pubblico, uscendo in passerella, insieme al compagno Filippo Cocchetti, con in braccio le loro due figlie. Un gesto d’amore, una pura espressione di orgoglio e gioia, al di là di qualsiasi pregiudizio, che trasmette il desiderio di credere nella vita e condividere la propria felicità.