Gucci

Luca Antonio Dondi
20 giugno 2016

È passato meno di un mese da quando Gucci ha presentato a Londra la collezione Cruise, ma il direttore creativo Alessandro Michele sembra non smettere di stupirci. Dopo gli oltre 90 look esibiti tra i chiostri dell’Abbazia di Westminster, oggi hanno sfilato a Milano altre 70 proposte – maschili e femminili – per la primavera-estate 2017.

Quella che l’eclettico direttore creativo ci porta a scoprire con questa collezione è la dimensione del viaggio: un percorso che va aldilà della fisicità dell’azione – oggi più che mai -, diventando anche stimolo culturale. Personaggio cardine e fonte di ispirazione è Marco Polo, che porta in passerella una ventata di chinoiserie, di ritorno da un immaginario pellegrinaggio in Oriente. Kimono, completi, pantaloni, tuniche, borse e scarpe si riempiono di ricami preziosi e fiori dal profumo orientale, scontrandosi con tessuti fluorescenti, pattern optical e toppe alla Disney, decisamente più vicini alla cultura occidentale.

Un viaggio anche alla scoperta dell’uomo, attraverso richiami al passato, come giacche militari e completi vittoriani, e spunti verso il futuro, con accostamenti insoliti e mix di stili. Migrano anche gli accessori: capienti borsoni logati, envelope bag e zaini incitano alla partenza, alleati ideali per scoprire nuovi mondi.

E tra smoking da gran sera e mise decisamente più casual, Alessandro Michele porta i suoi spettatori alla scoperta di un nuovo universo che, ancora una volta, si conferma vincente, geniale e tutto da scoprire.

  • 10
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9