Guy Laroche

Francesca Sartore
4 marzo 2015

Grande debutto per il giovane stilista americano Adam Andrascik alla guida della maison Guy Laroche che ha presentato la sua prima collezione della stagione autunno-inverno 2015/16.
Il percorso scelto è decisamente rock. L’uso della pelle lucida, le giacche chiodo, i bordi destrutturati dei capi, influenzati dall’arte giapponese attraverso stampe ricoperte di lamine d’oro che ricordano la calligrafia e gli ideogrammi, riportano a uno stile dark e giovanile. Decisamente interessante anche l’uso del velluto devoré e del pizzo laccato nero che donano una allure gotica al tutto.
I capi degni di nota sono le giacche di pelle tatuata in stampa bianco e nero, sinuosi abiti in maglia definiti da un tessuto effetto alluminio e gonne molto ben strutturate a pannello. Una fusione di culture che possono in un primo tempo stridere ma che, in una visione di insieme, plasmano una collezione innovativa sia per i materiali utilizzati che per le forme.

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10