Hermès

Martina D'Amelio
21 gennaio 2017

Véronique Nichanian porta sulla passerella autunno-inverno 2017/2018 di Hermès a Parigi un uomo romantico, dal piglio inaspettatamente rock.

Non è facile ricoprire il ruolo di direttore creativo menswear di un marchio dal lungo heritage, con un appeal (e una clientela) definita che non si lascia affascinare facilmente dalle temporanee lusinghe della moda. Non è semplice stupire senza puntare sull’effetto sorpresa, gli assi nella manica di un Tisci o di un Jones: Nichanian ci riesce utilizzando sempre la stessa formula, quella del bello assoluto. I suoi maglioni a collo alto avvolgono la figura e si indossano con studiati pantaloni relaxed fit; la felpa di pelliccia si alterna con nonchalance al bomber di coccodrillo, lo shearling – protagonista anche come dettaglio sulle borse a mano e sulle biker jacket di pelle effetto used – lascia spazio al trench da dandy con cintura in vita e alle velvet jacket doppiopetto a 6 bottoni.

Le contrapposizioni dialogano all’insegna del “rockmantic”, lo stile di questa linea a metà tra il soft punk e il dandy (alla parigina): al marsupio si contrappone la messenger bag portata sotto braccio, al pied-de-poule il Principe di Galles, al pantalone di pelle quello di velluto. Tutta la collezione è pensata per vestire un uomo raffinato e sicuro del suo stile, a qualunque età: un codice che rispetta, esaltandolo ancora una volta, lo stile e la tradizione della Maison.