Hermès

Martina D'Amelio
6 marzo 2017

Nadège Vanhee-Cybulski punta sulla contemporaneità con la collezione autunno-inverno 2017/2018 di Hermès: una virata vibrante all’insegna del colore, per un lusso più funny che mai.

Vedere un beanie hat o una salopette in passerella non è cosa da poco per una Maison che ha fatto dell’eleganza d’alto lignaggio il suo personale portabandiera. La designer francese questa volta osa un po’ più del solito e tira fuori tutto lo sporty heritage del marchio che guida dal 2014, portando sul catwalk maglioni over a coste orizzontali, lupetti mélange, shorts a vita alta, varsity cardigan e micro giubbotti rivestiti in shearling. Il voluto effetto layering è sottolineato dalla sovrapposizione di capi in audaci nuances a contrasto, dalle sfumature di verdi, al senape, al rosa, al rosso, fino a punte di glicine e indaco. Una palette poco Hermès ma comunque ricercata, che trova il suo doppio nelle nuove stampe: guanti stilizzati, macro chiavi e motivi Paisley si avvicendano sulle bluse e sulle camicie da indossare abbinate a gonne high waist e pants di pelle, oppure sugli abiti midi che lasciano intravedere alti stivali con la para.

Collant a coste squillanti e montoni color block movimentano ancora di più la collezione, ma è negli accessori che la donna Hermès ritrova la sua essenza: macro cinture da portare in vita, bag a mano e choker di pelle capaci di rendere sofisticato anche il più banale dolcevita. Un po’ funny e un po’ ladylike: d’altronde il vero lusso non è forse la libertà?