Hermès

Martina D'Amelio
24 giugno 2017

Sportivo ma elegante, casual ma sofisticato: l’uomo di Hermès per la primavera-estate 2018 è impeccabile nella sua normalità.

Veronique Nichanian dimostra ancora una volta che per portare in passerella (e nelle boutique) una collezione completa è necessario tenere sempre fisso lo sguardo sulla visione d’insieme – e non si può di certo ignorare quella della Maison francese, che dal lontano 1837 è portatrice sana di un lusso accessibile.

L’accezione dell’aggettivo si riferisce tutta al modo di vestire Hermès, che emerge prepotentemente nell’ultima linea menswear presentata a Parigi: pantaloni dal (perfetto) taglio chino, giacche tailored ma dalle impunture a contrasto, polo in maglia superfine, girocollo che sembrano disegnati sui modelli. E poi giubbotti di pelle su cui spunta l’iconica Chain d’Ancre, bomber con dettagli baseball stitches a contrasto, persino bermuda da indossare con i sandali a listini e il giubbotto in coccodrillo, oltre alle shirt tecniche da portare sotto la più asciutta delle suit: il guardaroba di un uomo giovane ma ricco di stile, che al braccio mostra fiero la sua bolide bag e ai piedi non disdegna anche un paio di sneakers immacolate.

Rosso Hermès, acid green ed electric blue si rincorrono tra dettagli varsity e accenti luxury, per una collezione che vince sul campo della vestibilità.