Issey Miyake

Mirco Andrea Zerini
21 gennaio 2016

Sulle passerelle parigine è il turno della collezione Autunno/Inverno 2016-2017 firmata Issey Miyake.
Lo stilista Yusuke Takahashi ha preso ispirazione dai cavalieri nomadi della Mongolia, reinterpretando i loro costumi in chiave eclettica e variopinta, per realizzare un guardaroba maschile innovativo ed insolito.
La palette è estremamente variegata e tende a dar vita a veri e propri “capitoli” sul catwalk: dal color vinaccia delle prime uscite al mix di pattern caleidoscopici, dal turchese all’arancione, fino alle tonalità più scure ed intramontabili come il nero e il grigio, esplorato in tutte le sue nuances.
Un nomade che allo stesso tempo è un business man in carriera, che indossa abiti leggeri e coloratissimi o più formali in tinta unita, cappotti e spolverini che sfiorano o si allungano oltre il ginocchio.
Forte la connotazione casual e sportwear per un maschio dinamico, comodo ed assolutamente versatile: pantaloncini perfetti per il jogging o il cycling abbinati a bomber con stampa a ferro di cavallo, parka e cappotti con una vena Eighties.
Impossibile non notare poi la collaborazione con fotografi del calibro di Kenji Hirasawa, da cui il designer ha ripreso le stampe comparse su alcuni degli outfit e sulle clutch.
Una sfilata variegata, con una sottile vena ironica che contrasta abilmente con l’auterità minimalista della location.

  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016
  • Issey Miyake Men's RTW Spring 2016