Issey Miyake Men

Alberto Corrado
26 giugno 2014
  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10

Sono i Tropici a ispirare l’estate di Issey Miyake. Ma in versione molto pop e con un pizzico di dandysmo. Ananas e banane sugli stampati, creati artigianalmente a Kyoto, il turchese delle lagune, i riflessi lucenti del sole allo zenith. Abbinata ai bermuda, una giacca chiné fabbricata con antichi telai. Sulle spalle un grande foulard portato come uno scialle. La frutta esotica rientra addirittura nella composizione dei tessuti, con fibre ricavate dalla banana e dall’ananas mescolate al lino e al nylon. Si scivola lentamente in un mare increspato da plissé e righe ton-sur-ton. Parka vaporosi, completi tie-dye fluidi o il soffio di una brezza marina su una mantellina prima di tuffarsi negli abissi popolati da strani organismi, creature fantastiche suggerite al brand dalla collaborazione avviata con l’associazione Bloom per la conservazione degli oceani.