Jil Sander

Martina D'Amelio
18 giugno 2016

Jil Sander mostra il suo uomo senza orpelli per la primavera-estate 2017: l’essenziale è visibile agli occhi sulla passerella di Milano.

Il direttore creativo Rodolfo Paglialunga sovverge le convenzioni e vira verso un lampante rigore estetico. Un guardaroba all’insegna della semplice eleganza caratterizza il menswear per la prossima stagione, composto da trench che si allungano fino ai piedi, giacche in pelle dal taglio a camicia, pantaloni dritti e shirt a mezza manica. Tinte fredde e calde si mescolano sulla passerella, ma il look del perfetto day-gentleman gioca con un solo colore alla volta, declinato in diverse sfumature: verdi e grigi si moltiplicano e culminano nel degradè sui completi, punto di forza della collezione. C’è spazio solo per un’accennata stampa floreale e un micro gessato nell’armadio modulare dell’uomo Jil Sander, altrimenti votato a una purezza formale di linee e tonalità. La sofisticata rilassatezza culmina negli accessori, dalle borse morbide portate a mano come se fossero buste della spesa alle comode stringate con la para.

Tessuti di pregio e tagli sapienti si fanno notare, ma non c’è nessuna ostentazione: è tutto frutto di una naturale spontaneità. E si vede.

  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017
  • Jil Sander Men’s Spring 2017